TORNA ALLE RISORSE


28 ottobre 2016

Scarica lo Studio Pagamenti - Pubblica Amministrazione - Q3 2016

Dal più recente Studio Pagamenti realizzato da CRIBIS D&B emerge che solo il 22.3% delle imprese della Pubblica Amministrazione italiana è puntuale nei pagamenti: un ritardo di oltre 13 punti percentuali rispetto alla media delle aziende italiane del 35,9%.

Solo un'impresa su quattro della PA rispetta quindi i termini prestabiliti mentre per quanto riguarda invece i ritardi gravi, uno dei principali indicatori dello stato di salute di un’impresa, il 25,3% paga con oltre un mese di ritardo contro una media del Paese del 12,6%.

Rispetto al 2010 sono cresciute le aziende virtuose (10.8 punti percentuali in più) ma sono anche aumentati i pagamenti con grave ritardo (passati dal 20.0% del 2010 all'attuale 25.3%). All’interno di questo scenario il dato che stupisce in negativo è quello relativo ai pagamenti nel settore della sanità e delle Asl, che ha una quota di pagamenti alla scadenza sostanzialmente nulla.

Accedi alla CRIBIS Community e scarica l'Osservatorio!

PER CONTINUARE LA LETTURA E ACCEDERE AI MATERIALI, ESEGUI IL LOGIN NELLA CRIBIS COMMUNITY!

NON SEI ISCRITTO?

Iscriviti subito gratis >

Sei già iscritto?

ESEGUI IL LOGIN

Ho dimenticato la password >

Cribis Community

Scarica l'analisi sulle CRIBIS Prime Company in Sicilia

In Sicilia la percentuale di aziende CRIBIS Prime Company, ossia le aziende a cui CRIBIS riconosce il massimo livello di affidabilità commerciale, ha raggiunto a fine 2016 il 3.58% del totale: più in difficoltà le imprese della provincia di Caltanissetta (3.14%), va meglio invece per quelle di Ragusa (4.60%). Accedi alla CRIBIS Community e scarica l'analisi!

Non sei iscritto?

Eventi

11 aprile 2017

Studio Pagamenti 2017

Si terrà l'11 aprile a Milano la 13° edizione dello Studio Pagamenti: organizzato da CRIBIS D&B insieme al Sole 24 ORE, il tema di quest'anno è "Cash Management: novità e cambiamenti in atto". Iscriviti subito!

leggi

SCOPRI I NOSTRI PRODOTTI


Utente o password errata.
Se non ricordi la password puoi resettarla Qui
Se hai problemi contattaci

x