mercoledì 26 aprile 2017

Fallimenti in forte calo nel 2017

Fallimenti delle imprese italiane in continuo calo. Nei primi tre mesi del 2017 sono state infatti 2.998 le aziende italiane che hanno portato i libri in tribunale, il 16,8% in meno rispetto ad un anno fa. Un buon segnale dal mercato che dà continuità alle buone notizie emerse dall’anno appena concluso e  che conferma il consolidamento dell’inversione di tendenza positiva dopo gli ultimi anni caratterizzati da un costante aumento dei fallimenti, che aveva toccato il suo picco nel 2014, con un totale di 15.336 casi, 3.760 solo nel primo trimestre dell’anno.

Complessivamente, nel primo trimestre dell’anno sono fallite in media 47 imprese al giorno, circa 2 ogni ora. Malgrado il progressivo ripiegamento del fenomeno va però sottolineato come il numero dei fallimenti registrati risulti ancora decisamente più elevato rispetto al 2009, quando i riflessi dell’incipiente crisi non erano ancora così evidenti. Rispetto a otto anni fa, quando i fallimenti erano 2.200, i fallimenti registrano un +36,3%.

Questo quanto emerge dall’ultimo aggiornamento dell'Analisi dei fallimenti in Italia realizzata da CRIBIS: scaricala gratuitamente adesso!

La distribuzione sul territorio nazionale dei fallimenti è correlata alla densità di imprese attive nelle diverse aree del Paese: la Lombardia, con 641 casi nel corso del 2017 e una incidenza sul totale Italia del 21,4%, si conferma la regione con il maggior numero di fallimenti mentre la seconda regione più colpita è stata il Lazio, con 386 casi e un’incidenza sul totale Italia del 12,9%, seguita dalla Campania, con 275 casi e relativa incidenza del 9,2%.

A livello settoriale infine dall’analisi CRIBIS emerge che, ancora una volta, il settore che nel corso del 2017 ha fatto registrare il maggior numero di casi è stato quello del commercio, con 1.020 fallimenti. Rispetto all’anno precedente però si registra un calo del 13,7% di imprese che hanno portato i libri in tribunale. Seguono il comparto dell’industria (con 759 casi complessivi), l’edilizia (611) e i servizi (210). Tutti i restanti settori hanno fatto complessivamente registrare 398 casi.

fallimenti_1Q 2017.png

Cribis Community

SCARICA LO STUDIO PAGAMENTI - ITALIA Q1 2020

Secondo lo Studio Pagamenti di CRIBIS, aggiornato al primo trimestre 2020, il sistema imprenditoriale italiano ha sostanzialmente tenuto rispetto al trimestre precedente. Primi segnali di sofferenza per i segmenti più colpiti dalla crisi: settore cinematografico, commercio al dettaglio dell’abbigliamento, servizi ricreativi.

Non sei iscritto?

Eventi

20 ottobre 2020

Studio Pagamenti 2020

Save the date! Si svolgerà il 20 ottobre a Milano la sedicesima edizione dello Studio Pagamenti, l’Evento sul Credit Management in Italia: è l'appuntamento annuale in cui si condividono esperienze e ci si confronta su temi come gestione del credito, crisi d'impresa, fintech e sviluppo del business... Oltre 500 partecipanti solo nell'ultima edizione, l'evento è gratuito registrati subito!

leggi

SCOPRI I NOSTRI PRODOTTI


Utente o password errata.
Se non ricordi la password puoi resettarla Qui
Se hai problemi contattaci

x