News

La sezione News comprende tutte le più importanti notizie provenienti dal mondo CRIBIS. Gli iscritti alla CRIBIS Community potranno accedere in aggiunta anche a tutti i contenuti speciali, come analisi e osservatori, che vengono costantemente aggiornati e pubblicati. L'iscrizione alla CRIBIS Community è gratuita e senza impegno.

In Evidenza


fallimenti_2Q 2019.png
19 agosto 2019

Fallimenti imprese ancora in calo a giugno 2019

- fallimenti

Secondo l’analisi realizzata da CRIBIS nel secondo trimestre 2019 i fallimenti delle imprese in Italia sono diminuiti del 4.2% rispetto all'anno precedente, con un calo significativo soprattutto nel settore dell’edilizia (-12,1%). Più contenuta la diminuzione per i Servizi, nessuna variazione per il comparto commercio. Scarica gratuitamente l'Analisi dalla CRIBIS Community!

CRIBIS-CREDIT-MANAGEMENT.jpg
28 luglio 2019

Confermato il Rating Fitch di CRIBIS Credit Management

- CRIF Ratings

Confermato anche per il 2019 il rating Fitch di CRIBIS Credit Management per le attività di Special Servicer nella gestione degli NPL.

edilizia.JPG
26 luglio 2019

PAGAMENTI NEL SETTORE EDILIZIA: UNA FOTOGRAFIA DI CRIBIS

- pagamenti,studio pagamenti

È ora disponibile all'interno della CRIBIS Community l’analisi sui pagamenti commerciali del settore Edilizia condotta da CRIBIS e aggiornata al Q2 2019. Accedi alla CRIBIS Community e scarica l'analisi completa!

Capture.JPG
24 luglio 2019

COME PAGANO LE IMPRESE ITALIANE? LA FOTOGRAFIA DI CRIBIS AGGIORNATA A GIUGNO 2019

- studio pagamenti

Secondo la più aggiornata analisi CRIBIS nel Q2 2019 il Nord Est risulta l’area geografica più affidabile con il 43% di pagamenti regolari, mentre le imprese meridionali mostrano un comportamento più problematico con solo il 21,9%. Accedi alla CRIBIS Community e scarica gratuitamente l’analisi completa!

D_gz4GTXoAAT_gi.jpg
17 luglio 2019

IMPRESE TRENTINE, TREVIGIANE E VICENTINE AL TOP PER PUNTUALITÀ PAGAMENTI

- pagamenti,news

Nell’ambito della collaborazione con Fondazione Nord Est, CRIBIS fornirà i dati di bilancio completi (e le relative serie storiche) delle aziende del territorio, utili per la realizzazione di analisi e studi di settore. Secondo l’analisi di CRIBIS, tra i settori più puntuali spicca il manifatturiero con solo con solo il 4,7% di aziende che paga con gravi ritardi.

Notizie Recenti

11 novembre 2014

Il credito al consumo durante la crisi: Banca d’Italia pubblica un Occasional Paper in collaborazione con CRIF

Banca d’Italia e CRIF hanno recentemente collaborato all’Occasional paper “Il credito al consumo durante la crisi: evidenze dai contratti”. Lo studio ha indagato le tendenze di mercato di questi ultimi anni attraverso l’analisi delle domande di prestito e dei prestiti personali e finalizzati stipulati tra il 2007 e il 2013 in Italia e raccolti in EURISC, il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF.

10 novembre 2014

Rating ECAI: pubblicate dall’EBA le tabelle di mapping di CRIF

CRIF SpA rende noto che sono state pubblicate da EBA le tabelle di mapping, ovvero le tabelle di conversione tra i rating emessi dalle Agenzie di Rating europee e le classi di ponderazione previste, nell’ambito delle disposizioni di vigilanza prudenziale degli istituti finanziari, per la determinazione degli assorbimenti patrimoniali degli impieghi verso imprese.

10 novembre 2014

Un italiano su sei è stato vittima di frodi

Furto di identità, phishing e clonazione di carte di credito: 1 italiano su 6 ne ha avuto una esperienza diretta. Questa la principale evidenza della ricerca online “OBIETTIVO ZERO FRODI 2014. Le 4F: frodi, falsificazione, fornitori, furti” commissionata da CRIF a Smart Research.

03 novembre 2014

Quali sono le prospettive di business in Cile, Colombia, Perù, Nigeria e Tanzania?

In Cile il rischio è abbastanza basso, in Colombia, in Perù e in Tanzania è moderato e in Nigeria è invece molto alto. Disponibili i D&B Country Report Cile, Colombia, Perù, Nigeria e Tanzania, che forniscono un’analisi approfondita su dati di tipo politico, economico e commerciale dei paesi, compresi i cambiamenti sui rischi aziendali.

29 ottobre 2014

Quasi 8.000 imprese italiane potrebbero emettere un mini-bond

Sulla base dello studio realizzato da CRIF Rating Agency, almeno 7.892 società di capitali hanno i requisiti per accedere al mercato dei mini-bond e, più in generale, delle obbligazioni, con la possibilità di raccogliere risorse integrative o complementari al credito bancario per sostenere i propri progetti di sviluppo.



SCOPRI I NOSTRI PRODOTTI


Utente o password errata.
Se non ricordi la password puoi resettarla Qui
Se hai problemi contattaci

x