Gestione Crediti Commerciali

Studio Pagamenti 2020 - Cash Management e Covid-19: gli effetti della «prima ondata»

Studio Pagamenti Copertina Preti (1)

In Italia +21% nei ritardi gravi rispetto a dicembre 2019, ma le aziende investono nel proprio “ecosistema di relazioni”.

Marco Preti
Marco Preti

CEO, CRIBIS

CEO, CRIBIS

Lo Studio Pagamenti 2020 è stato un appuntamento che non poteva mancare poiché i dati sui pagamenti delle imprese sono fondamentali per monitorare il loro stato di salute in un anno particolarmente difficile non solo per l’Italia, ma per il mondo intero. Lo dimostrano gli oltre 1500 CEO, CFO e Credit Manager che hanno seguito l’evento in streaming.

Quello che CRIBIS ha registrato in questi mesi sono informazioni che confermano lo stato di difficoltà complessivo dell’economia e delle imprese, specialmente in alcuni settori.

A giugno 2020 in Europa abbiamo notato immediatamente un leggero peggioramento di quelle che sono le performance dei pagamenti alla scadenza, soprattutto in Paesi come Irlanda (-17%), Romania (-7%) e Spagna (-3%) che necessitano di una attività di sollecito e gestione dei pagamenti completamente diversa.

Se ci concentriamo solo sull’Italia e consideriamo l’andamento dei pagamenti in ritardo oltre i 30 giorni, possiamo notare come negli ultimi anni avessimo registrato una stabilizzazione nel ritardo dei pagamenti attorno al 10%. Dal 3Q 2020 vi è stata una crescita del 21% nei ritardi gravi rispetto al 4Q 2019.

 

Pagamenti: Trend ritardi gravi - Italia 3Q

Fonte: Studio Pagamenti 2020

 

Le regioni che hanno subito la variazione percentuale più elevata rispetto all’ultimo trimestre del 2019 sono la Valle d’Aosta (+40,4%), il Friuli-Venezia Giulia (+37,5%), il Veneto (+32,6%) e il Trentino - Alto Adige (+31,6%) che, nonostante questo, rimane la regione con meno ritardi gravi (6,7%) in assoluto. L’incremento dei ritardi oltre 30 giorni è invece più contenuto nelle regioni del Sud, che pur partono da un livello assoluto più elevato.

Rispetto al trimestre precedente, il Nord Est e il Nord Ovest del Paese hanno registrato l’incremento più elevato di ritardi gravi (rispettivamente 10,4% e 11,8%). Il Nord Est tuttavia si conferma ancora una volta l’area geografica più affidabile, con il 43% delle imprese che pagano alla scadenza, mentre al Sud e nelle Isole, dove le imprese puntuali sono solo il 22,6%, si evidenziano maggiori difficoltà.

Fin qui sono dati che potevamo tutti aspettarci, ma che rispetto a quanto è accaduto negli anni scorsi, devono farci interrogare su come possiamo reagire e gestire questa situazione.

È evidente come l’effetto del Covid abbia avuto ripercussioni soprattutto sulla liquidità delle imprese, tema centrale di grandissima attualità che è tornato a preoccupare. Il fatto che le imprese di Lodi (+55,7%), Asti (+53,8%), Pordenone (+50%) e Belluno (+50%) siano quelle che, a confronto con la fine del 2019, hanno registrato il maggior peggioramento nei pagamenti superiori ai 30 giorni, dimostrano quanto stretto sia il legame tra crisi del Covid e problemi di liquidità.

Credo che mai come nei primi mesi di quest’anno sia stato chiaro a tutti in Italia quanto la liquidità delle imprese fosse un tema cruciale che abbiamo sempre evidenziato come un indicatore del loro stato di salute.

Nel momento in cui la liquidità viene a mancare, i pagamenti rallentano e se rallentano per un soggetto, tutta la catena a cascata avrà delle ripercussioni.

Nelle ultime edizioni dello Studio Pagamenti davamo una visione dell’Italia come un paese in miglioramento. Oggi ci troviamo tutti in questa grandissima incertezza, ma con una sicurezza comune: quella di doverci aspettare impatti importanti per quelle che sono le insolvenze nei prossimi mesi e nel prossimo anno. Oggettivamente le imprese sono in difficoltà e lo saranno probabilmente ancor di più nel futuro prossimo. Servono quindi maggiore attenzione, più vicinanza ai propri clienti/fornitori e predisporre di tutti gli strumenti necessari a prevenire situazioni di crisi.

C’è comunque un segnale positivo che noi vediamo nelle imprese, soprattutto in quelle più virtuose: un forte investimento nel proprio ecosistema di relazioni con clienti, fornitori, distributori e partner fondamentale per la vita e la sopravvivenza dell’azienda. In particolare, la maggiore “connessione” con i clienti è stata e sarà ancora di più nei prossimi mesi un asset che va curato e monitorato. Molte aziende hanno infatti aiutato i clienti allungando i termini durante il lockdown. Questo “patto” con i propri clienti e fornitori è probabilmente la chiave per superare la crisi, senza ovviamente abbassare la guardia su scaduto e insoluti.

Occorre ripartire e se lo faremo con grande attenzione a questi temi, sarà un processo virtuoso per tutti.

 

Marco Preti, CEO CRIBIS

 

 

Scarica le ricerche

studio-pagamenti-2020_marco-preti .pdf 4,27 Mb

studio-pagamenti-italia-q3-2020 .pdf 2,45 Mb

Approfondimento correlati
Studio Pagamenti 2020

01/09/2020

Gestione Crediti Commerciali

Studio Pagamenti 2020: Imprese italiane in difficoltà tra ritardi nei pagamenti e poca liquidità

L’Europa continua a ottenere, in uno scenario mondiale molto competitivo, una buona puntualità nei pagamenti e ritardi contenuti. Partecipa il 21 ottobre 2020 alla nuova edizione dello Studio Pagamenti, per conoscere come questi comportamenti sono mutati a seguito dell’emergenza sanitaria.

Shutterstock 706427383

14/09/2020

Gestione Crediti Commerciali

Le aziende pagano in ritardo i fornitori: rafforzare il legame con i propri Clienti migliori è fondamentale per superare le difficoltà

Emergenza Covid-19: peggiorano i ritardi di pagamento delle imprese nei settori industria e commercio all’ingrosso. Occorre che le imprese rivedano le proprie politiche di selezione di fornitori o partner commerciali.

Fallimentiistock

03/09/2020

Gestione Crediti Commerciali

Le insolvenze aziendali globali sono destinate ad aumentare del 35% entro il 2021

Valutare, monitorare e gestire con precisione il portafoglio clienti per prevenire eventi negativi che rischierebbero di impattare sulla propria realtà di business o su quella di clienti, fornitori e partner.

Shutterstock 573278452

17/11/2020

Gestione Crediti Commerciali

Centrale attenzione nei confronti del credito ma soprattutto del cliente

Importanza crescente nella gestione efficace del credito e nel contatto con il cliente. Pagamenti digitali e garanzie da estendere anche al credito commerciale e non solo a quello bancario.

Hai delle domande o vuoi ricevere un preventivo?

Richiedi subito informazioni

In Evidenza

In Evidenza

CRIBIS Radar

Cribis Radar aiuta le imprese a conoscere tutte le opportunità di finanza agevolata, trovando la soluzione migliore per ogni esigenza di business.

Scopri di più

In Evidenza

CRIBIS X

CRIBIS X permette di tradurre le strategie commerciali e di gestione del credito in strumenti operativi per valutare nuovi clienti e ridurre DSO, scaduto e perdite.

Scopri di più

In Evidenza

D&B Worldwide Network

Accedi alle informazioni su oltre 400 milioni di imprese nel mondo grazie all'appartenenza di CRIBIS al Dun & Bradstreet Worldwide Network, l'alleanza tra i principali provider di informazioni commerciali a livello globale

Scopri di più