CRIF si conferma tra le top 100 della classifica IDC FinTech per il nono anno consecutivo e accelera nello sviluppo di soluzioni digitali per l’Open Banking

Comunicato Crif Fintech Investimenti

CRIF si è posizionata al 53esimo posto nella classifica IDC FinTech Rankings 2021, prevedendo 350 milioni di investimenti in 3 anni, con un focus particolare su FinTech, Open Finance e nuove acquisizioni su scala globale.

CRIF - società globale specializzata in sistemi di credit e business information e avanzate soluzioni in ambito digitale per lo sviluppo del business e l’open banking - si è posizionata al 53esimo posto nella classifica IDC FinTech Rankings 2021.

Per il nono anno consecutivo, CRIF risulta tra le prime 100 Fintech a livello globale e ai vertici tra le aziende italiane.

Giunta alla sua 18esima edizione, IDC FinTech è la classifica annuale che include i principali provider globali di tecnologia finanziaria sulla base del fatturato derivante dalle istituzioni finanziarie loro clienti e relativo a hardware, software e servizi. Si tratta dei provider che forniscono la spina dorsale tecnologica al settore dei servizi finanziari, un settore in cui IDC Financial Insights prevede che la spesa mondiale per l'IT in tutto il mondo supererà i 590 miliardi di dollari entro il 2025.

Lo sviluppo del business delle soluzioni tecnologiche a servizio delle istituzioni finanziarie ha contribuito in modo determinante alla crescita del fatturato globale di CRIF, che anche in un anno complesso come il 2020 ha visto il fatturato consolidato attestarsi a 567 milioni di Euro contro i 557 del 2019 mentre l’EBITDA è risultato pari a 126 milioni di Euro rispetto ai 108 milioni dell’esercizio precedente.

Nel complesso gli ingenti investimenti fatti nel tempo per diversificare l’attività sia a livello geografico, con una presenza diretta che ad oggi si estende in circa 40 Paesi di 4 continenti, sia per lo sviluppo di servizi altamente innovativi, in grado di migliorare l'esperienza cliente e consentire il raggiungimento dell'eccellenza operativa, abbiano garantito a CRIF una notevole resilienza anche in questa fase caratterizzato dall’emergenza sanitaria ed economica.

Coerentemente con il proprio posizionamento globale, il piano industriale di CRIF prevede per il triennio 2021-2023 investimenti a livello globale per complessivi 350 milioni di Euro, che vanno ad aggiungersi ai 119 milioni del 2020, quando già si registrava una crescita rispetto ai 90 milioni dell’anno precedente. In questo ambito si inserisce anche la suite CRIF Digital, una soluzione innovativa che permette ad istituti di credito, ma anche a compagnie assicurative, telco, utilities e imprese, di cogliere tutte le opportunità generate dall'Open Banking attraverso una piattaforma tecnologica collaborativa e aperta, un ecosistema di servizi, un data layer e avanzati analytics.

Hai delle domande o vuoi ricevere un preventivo?

Richiedi subito informazioni

In Evidenza

In Evidenza

CRIBIS X

CRIBIS X permette di tradurre le strategie commerciali e di gestione del credito in strumenti operativi per valutare nuovi clienti e ridurre DSO, scaduto e perdite.

Scopri di più

In Evidenza

CRIBIS Radar

Cribis Radar aiuta le imprese a conoscere tutte le opportunità di finanza agevolata, trovando la soluzione migliore per ogni esigenza di business.

Scopri di più

In Evidenza

D&B Worldwide Network

Accedi alle informazioni su oltre 400 milioni di imprese nel mondo grazie all'appartenenza di CRIBIS al Dun & Bradstreet Worldwide Network, l'alleanza tra i principali provider di informazioni commerciali a livello globale

Scopri di più