venerdì 24 maggio 2019

PAGAMENTI NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PUNTUALITA’ AL DI SOTTO DELLA MEDIA ITALIANA

Nel primo trimestre del 2019 solamente il 24,3% delle aziende della Pubblica Amministrazione ha saldato alla scadenza i propri debiti commerciali con i fornitori. Una performance inferiore rispetto alla media delle imprese italiane, pari al 35,3%. Per quanto riguarda invece i ritardi gravi, uno dei principali indicatori dello stato di salute di un’impresa, il 21,2% paga con oltre un mese di ritardo, quasi il doppio rispetto alla media nazionale, (11,3%).

Questi sono i risultati dello Studio Pagamenti dedicato alle imprese della PA e aggiornato a fine marzo 2019: scarica ora l'Osservatorio completo!

Se si paragonano le ultime rilevazioni con quelle del 2010 il confronto mette in mostra gli attuali problemi che la PA ha nel saldo delle fatture nei confronti dei fornitori. Se da un lato sono cresciuti di 12,8 punti percentuali le aziende che pagano regolarmente, dall’altro sono aumentate anche quelle con ritardi gravi, passate dal 20% del 2010 all’attuale 21,2% del 2019. All’interno di questo scenario il dato che stupisce in negativo è quello relativo ai pagamenti degli Enti Territoriali di cui si osserva un peggioramento delle performance di pagamento: il 26,5% paga generalmente con grande ritardo.
Situazione in miglioramento quella delle aziende della sanità, i cui ritardi gravi diminuiscono di 10,1 punti percentuali rispetto al 2010. La quota di pagatori puntuali è però ancora pressoché nulla, pari all’1%.

A livello territoriale è il Nord Ovest l’area più virtuosa: il 29,3% salda abitualmente alla scadenza le fatture, mentre il 16,3% oltre il mese di ritardo dai termini prestabiliti. Performance leggermente inferiori per la Pubblica Amministrazione del Nord Est, che è meno puntuale (23%) ma anche meno ritardatario (9,8%). Situazione diametralmente opposta per il Centro, Sud e Isole, dove i ritardi gravi sono rispettivamente pari al 24,3% e 35%.

 

CapturePA.PNG

Cribis Community

SCARICA L'ANALISI - FALLIMENTI AZIENDE IN ITALIA - Q2 2019

Secondo l’analisi realizzata da CRIBIS nel secondo trimestre 2019 i fallimenti delle imprese in Italia sono diminuiti del 4.2% rispetto all'anno precedente, con un calo significativo soprattutto nel settore dell’edilizia (-12,1%). Più contenuta la diminuzione per i Servizi, nessuna variazione per il comparto commercio. Scarica gratuitamente l'Analisi dalla CRIBIS Community!

Non sei iscritto?

Eventi

13 ottobre 2019

ICTF's International Credit Professionals Symposium

CRIF sarà sponsor del prossimo ICTF's International Credit Professionals Symposium dal titolo "Global Credit Management Excellence, Expert Perspectives and Best Practices", il più importante evento per i professionisti internazionali della gestione del credito in Europa: iscriviti subito!

leggi

SCOPRI I NOSTRI PRODOTTI


Utente o password errata.
Se non ricordi la password puoi resettarla Qui
Se hai problemi contattaci

x