martedì 26 settembre 2017

Qual è l'andamento dei fallimenti a livello globale?

Il rapporto Dun & Bradstreet sui fallimenti nelle più importanti economie globali mostra una diminuzione generale dei fallimenti sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo. Nel 2017 la percentuale media di fallimenti nei 46 paesi analizzati è lo 0.88% rispetto al totale delle imprese attive, in quattro paesi è superiore al 2%, in sette paesi è compresa tra l'1% e il 2% e in trentaquattro è minore dell'1%.

Rispetto al 2016, periodo nel quale tutte le dieci economie più importanti tranne una presentavano dei tassi di fallimenti decrescenti, quest'anno si evidenzia un gruppo in leggero "deterioramento": UK, USA, Cina e Brasile.

Negli USA il dato relativo ai fallimenti è cresciuto del 2,6% e lo Small Business Health Index (SBHI) ha perso 0.3 punti, per questi motivi anche le stime per la crescita nel 2017 sono calate dello 0,2%.

In Europa la situazione è positiva sia per quanto riguarda i fallimenti che per la crescita del GDP, in Germania il tasso di fallimenti è calato dell'8,2% rispetto al 2016 e detiene il record per quanto riguarda il tempismo medio nei pagamamenti. In Francia aumenta la fiducia e diminuiscono i fallimenti (9,7%) così come nell'Europa meridionale dove Spagna, Italia e Portogallo hanno visto diminuire i fallimenti rispettivamente del 18,3%, 14,5% e 24,1%. In UK invece, i casi di aziende in bancarotta sono aumentati del 19.8% nella prima metà del 2017 mentre le stime per la crescita sono state riviste al ribasso.

In Cina i casi di fallimento sono aumentati del 12.5% e si prevede un calo del GDP dovuto a rallentamenti nel credito alle imprese. In Russia i fallimenti sono cresciuti marginalmente (1.9%), il settore bancario è vulnerabile a causa delle sanzioni ricevute ma si prevede che, attraverso il supporto pubblico, la situazione possa gradualmente migliorare. In Canada invece calano i fallimenti (-4,7%) con un incremento della produzione e una minore dipendenza dell'economia dalle risorse petrolifere.

In generale la crescita mondiale nel 2017 si aggira intorno al 2.9% e 3,1% nel 2018.

DNB bankruptcy report H1 2017.PNG

Cribis Community

Scarica il CIPS Risk Index Q3 2017

Buoni segnali per il commercio internazionale, l'espansione dell'attività commerciale traina la crescita e fa calare la rischiosità. Un altro periodo positivo ma rimangono alcuni punti interrogativi su questioni politiche e socio-economiche che potrebbero influenzare negativamente i risultati nel medio termine. Questo e tanto altro nell'analisi del CIPS Risk Index in collaborazione con Dun & Bradstreet

Non sei iscritto?

Eventi

27 febbraio 2018

Salone delle Micro e Piccole Imprese

CRIBIS presente alla quarta edizione del Salone delle Micro e Piccole Imprese! I partecipanti avranno l'opportunità di prendere parte a varie iniziative tra le quali stand, incontri e presentazioni per far conoscere la propria attività e mettere le basi per nuove collaborazioni. Scopri il programma dell'evento sul sito del Salone delle Micro e Piccole imprese!

leggi

SCOPRI I NOSTRI PRODOTTI


Utente o password errata.
Se non ricordi la password puoi resettarla Qui
Se hai problemi contattaci

x