martedì 5 aprile 2016

Studio Pagamenti: stop alla crescita dei ritardi gravi, calo del 12% in un anno

Secondo lo Studio Pagamenti realizzato da CRIBIS D&B ed aggiornato a fine marzo 2016 diminuiscono i ritardi gravi nei pagamenti da parte delle imprese italiane. Rispetto ad un anno fa, i pagamenti oltre i 30 giorni di ritardo, uno dei principali indicatori dello stato di salute delle imprese, sono infatti calati del 12,1%. Un buon segnale per il sistema imprenditoriale italiano che evidenzia una minore difficoltà delle imprese nel saldare le fatture ai fornitori.

Il 35,1% delle imprese italiane paga alla scadenza, il 51,1% entro il mese di ritardo ed infine è pari al 13,8% la percentuale dei ritardi gravi. Un dato, quest’ultimo, che ha raggiunto il suo minimo storico dal 2010 ad oggi anche se rispetto proprio a 6 anni fa è cresciuto del 150,9%.

Scarica ora l'analisi gratuita!

Il sistema dei pagamenti commerciali delle imprese italiane è mutato radicalmente con il perdurare della crisi e ad accusare maggiormente il colpo continuano ad essere le imprese che operano nel settore del commercio al dettaglio, punto finale di tutte le filiere industriali: solo un una impresa su quattro (24,9%) è virtuosa, il 22% salda le fatture con oltre il mese di ritardo.

Il rapporto 2016 è stato presentato a Milano il 19 aprile presso la sede del Sole24Ore: giunto alla 12esima edizione, lo Studio Pagamenti rappresenta l’appuntamento annuale organizzato da CRIBIS D&B in cui i decision maker dell’area finanziaria e delle vendite condividono esperienze e si confrontano sui temi dei pagamenti commerciali, del working capital e del cash management. Tra i relatori, importanti realtà imprenditoriali come DHL Express Italy, Gruppo Feralpi, Granarolo e MAW - Men At Work.

A livello territoriale le imprese del nord est sono le più puntuali d’Italia: il 43,5% paga alla scadenza mentre i ritardi gravi sono solo l’8,1%. Situazione opposta per il sud e le isole, dove il 22,1% è virtuoso e ben il 23,2% delle imprese si trova in forte difficoltà nel saldare i debiti con i fornitori. Bene anche il nord ovest, situazione intermedia per il centro Italia. Entrando nel dettaglio delle singole Regioni è la Lombardia, per la prima volta dopo anni, ad aggiudicarsi il primo posto in fatto di puntualità con il 45,2% di imprese virtuose. Perde invece il suo primato l’Emilia Romagna, con il 44,9%. In fondo alla classifica troviamo la Sicilia con solo il 18,7% di pagamenti regolari. Male anche Calabria (20,6%) e Campania (20,8%) e Sardegna (22,2%).

Il comparto dei servizi finanziari è quello che gode di miglior salute con una quota del 45% di performance virtuose. Bene anche l’edilizia (39,4% di imprese puntuali, 11,6% di ritardi gravi). Grandi difficoltà, come detto, per il commercio al dettaglio. Nel corso di questi ultimi 6 anni il settore che ha reagito meglio alla congiuntura economica è quello dei trasporti e della distribuzione, che ha visto crescere solo del 46,9% la percentuale dei cattivi pagatori.

Entra nella CRIBIS Community e scarica l'analisi completa!

 

studiopag_q1_2016.gif

Cribis Community

SCARICA LO STUDIO PAGAMENTI - ITALIA Q1 2020

Secondo lo Studio Pagamenti di CRIBIS, aggiornato al primo trimestre 2020, il sistema imprenditoriale italiano ha sostanzialmente tenuto rispetto al trimestre precedente. Primi segnali di sofferenza per i segmenti più colpiti dalla crisi: settore cinematografico, commercio al dettaglio dell’abbigliamento, servizi ricreativi.

Non sei iscritto?

Eventi

20 ottobre 2020

Studio Pagamenti 2020

Save the date! Si svolgerà il 20 ottobre a Milano la sedicesima edizione dello Studio Pagamenti, l’Evento sul Credit Management in Italia: è l'appuntamento annuale in cui si condividono esperienze e ci si confronta su temi come gestione del credito, crisi d'impresa, fintech e sviluppo del business... Oltre 500 partecipanti solo nell'ultima edizione, l'evento è gratuito registrati subito!

leggi

SCOPRI I NOSTRI PRODOTTI


Utente o password errata.
Se non ricordi la password puoi resettarla Qui
Se hai problemi contattaci

x