giovedì 15 dicembre 2016

PMI in Italia: crescita frenata dalla scarsa diversificazione delle fonti di finanziamento

CRIF Ratings ha pubblicato uno Special Report che analizza l’evoluzione della struttura finanziaria di oltre 15.000 aziende italiane con un fatturato compreso tra EUR10m ed EUR500m: dall’analisi emerge che nel periodo 2006-2015 le strategie di finanziamento della maggior parte delle PMI italiane sono rimaste fortemente legate al canale bancario e solo un numero ristretto di aziende, meno del 6%, ha diversificato le proprie fonti di finanziamento rivolgendosi al mercato dei capitali.

L’analisi evidenzia che le aziende che hanno diversificato con l’uso dello strumento di debito obbligazionario hanno registrato nel quadriennio 2012-2015 una crescita media annua (CAGR) dei ricavi dell’1,6%, un dato più che doppio rispetto allo 0,7% rilevato per le aziende senza obbligazioni e nettamente superiore al modesto aumento del PIL italiano (+0,3% medio nel periodo in esame).

Per maggiori informazioni.

CRIF_Ratings.jpg

Cribis Community

Scarica l'analisi sulle CRIBIS Prime Company in Toscana

In Toscana la percentuale di aziende CRIBIS Prime Company ha raggiunto a dicembre 2016 l'8.24% del totale: Siena è la provincia Top Performer con il 12.21% di imprese con il massimo livello di affidabilità commerciale, più in difficoltà le aziende della provincia di Massa-Carrara (5.56%). Scarica l'analisi dalla CRIBIS Community!

Non sei iscritto?

Eventi

11 aprile 2017

Studio Pagamenti 2017

Si terrà l'11 aprile a Milano la 13° edizione dello Studio Pagamenti: organizzato da CRIBIS D&B insieme al Sole 24 ORE, il tema di quest'anno è "Cash Management: novità e cambiamenti in atto". Iscriviti subito!

leggi

SCOPRI I NOSTRI PRODOTTI


Utente o password errata.
Se non ricordi la password puoi resettarla Qui
Se hai problemi contattaci

x