Supply Chain Compliance

ESG: rispetto per l’ambiente e buone pratiche aziendali sono un buon affare

Shutterstock 1606190653

Come vengono valutate oggi le aziende secondo i criteri ESG: sostenibilità, rispetto per l’ambiente, responsabilità sociale e corporate governance.

Marco Preti
Marco Preti

CEO, CRIBIS

CEO, CRIBIS

Parola d’ordine sostenibilità. L’attenzione verso pratiche sostenibili in qualunque settore e livello è ormai un requisito fondamentale per poter ambire a uno sviluppo costante e duraturo nel tempo. Non è un caso se la sostenibilità, soprattutto nell’accezione green di transizione ecologica, energie rinnovabili e mobilità sostenibile, sia l’ambito a cui vengono dedicate ingenti risorse del PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza): alla rivoluzione verde saranno infatti destinati ben 69,96 mld dei 235,14 mld previsti dal piano.

L’attenzione a fattori ambientali e sociali ha portato anche a un cambiamento della mentalità sui mercati finanziari: sempre più investitori sono sensibili alla sostenibilità anche quando devono decidere su cosa investire, dal canto loro le imprese sono sempre più impegnate nell’intraprendere strategie con risvolti ambientali, etici e sociali.

 

INVESTIMENTI "RESPONSABILI" VERSO UNA REALTÀ ESG

È in questo contesto che si inseriscono gli investimenti “responsabili”, ovvero quelli che puntano sulle realtà ESG (Environmental, Social, Governance): imprese o progetti dove il rispetto per l’ambiente, la responsabilità sociale (nei confronti di chi ci lavora e del contesto in cui si inserisce) e la corporate governance (animata da identità e valori che ispirano l’azienda) sono i tratti distintivi dell’azione strategica e dell’operatività.

Alla luce del crescente interesse verso la sostenibilità, non sorprende dunque che domanda e offerta di investimenti ESG stiano aumentando rapidamente negli ultimi anni: in base alle stime di Morningstar i fondi sostenibili europei hanno chiuso il primo trimestre del 2021 con una raccolta netta di 120 miliardi di euro, in crescita del 18% rispetto al trimestre precedente. Tale raccolta rappresenta ben il 51% di tutti gli afflussi registrati nel settore. A fine marzo, i fondi sostenibili gestivano 1,3 trilioni di euro, dopo aver superato la soglia dei mille miliardi l’anno scorso. Non solo, sempre secondo un’analisi di Morningstar, un fondo su quattro in Europa è ESG.

Viene spontaneo ora chiedersi: investire in sostenibilità rende? La risposta è tendenzialmente : i fondi sostenibili hanno dimostrato di preservare il capitale anche durante la prima ondata di Covid, e in genere gli investimenti ESG risultano avere un rendimento di lungo periodo maggiore e stabile.

Questo nuovo modo di approcciarsi agli investimenti ha portato a un’evoluzione anche normativa. Il 2020 ha visto infatti la nascita a livello europeo di provvedimenti chiave come il Sustainable finance disclosure regulation (Sfdr), in vigore da marzo 2021, mentre dal gennaio 2022 sarà operativa in Europa anche la legge sulla tassonomia delle attività eco-sostenibili.

 

I FATTORI ESG CON CUI VIENE VALUTATA UN'AZIENDA

Tutto ciò va a sottolineare quanto disporre di dati ESG relativi a ogni singola attività commerciale stia acquisendo un’importanza fondamentale dal momento che un’azienda viene valutata non solo in base a bilanci e informazioni contabili, ma anche a fattori extra finanziari, che hanno a che vedere con i valori, l’identità e le strategie aziendali in un’ottica di responsabilità ambientale, etica e sociale. Se rispetta criteri ESG, riesce e riuscirà sempre più in futuro ad intercettare più agevolmente clienti e finanziatori.

Per questo motivo Crif ha realizzato il primo portale per le PMI e le imprese che attesta l’impegno verso i criteri ESG. Grazie all’attestato CRIF ESG ogni azienda potrà così far conoscere a clienti, fornitori, istituzioni come i principi ESG ispirano la propria operatività.

Impegnarsi per il futuro è indispensabile, far sapere come lo si sta facendo non è solo necessario, ma anche strategico.

 

Marco Preti, CEO CRIBIS

Approfondimento correlati
CPO SUMMIT

26/08/2020

Supply Chain Compliance

Azioni e Soluzioni per le Imprese nell'Italia post-lockdown

Qual è stato l’impatto della pandemia sulle supply chain? E come mitigarlo? Queste domande sono al centro delle preoccupazioni di tutti i direttori acquisti e gestori di Supply Chain globali.

Esg As 3 Palavras Magicas 1200X675

10/02/2021

Supply Chain Compliance

Principi ESG e sostenibilità: i pilastri delle aziende del futuro che piacciono ai consumatori

Specialmente fra i più giovani, e trasversalmente fra i settori, le aziende che si impegnano verso i principi ESG e la sostenibilità sono viste con un’accezione positiva e la gente è disposta a pagare di più.

Immagini Supply Chain Sap B1

24/02/2021

Supply Chain Compliance

La Supply Chain del futuro, fra trasformazione digitale e dati a supporto del decision-making

Il futuro della Supply Chain, secondo gli esperti intervistati da Dun and Bradstreet, dipenderà dalla trasformazione digitale e dall’impiego dei dati.

Earth 2254769 1920

10/03/2021

Supply Chain Compliance

Dati ESG: occorre uno standard di raccolta informazioni all’interno dei processi aziendali

I dati ESG vengono classificati spesso come informazioni “non contabili” perché inerenti ad asset intangibili di un’azienda.

Hai delle domande o vuoi ricevere un preventivo?

Richiedi subito informazioni

In Evidenza

In Evidenza

CRIBIS X

CRIBIS X permette di tradurre le strategie commerciali e di gestione del credito in strumenti operativi per valutare nuovi clienti e ridurre DSO, scaduto e perdite.

Scopri di più

In Evidenza

CRIBIS Radar

Cribis Radar aiuta le imprese a conoscere tutte le opportunità di finanza agevolata, trovando la soluzione migliore per ogni esigenza di business.

Scopri di più

In Evidenza

D&B Worldwide Network

Accedi alle informazioni su oltre 400 milioni di imprese nel mondo grazie all'appartenenza di CRIBIS al Dun & Bradstreet Worldwide Network, l'alleanza tra i principali provider di informazioni commerciali a livello globale

Scopri di più